Dal 23 al 25 Novembre a San Paolo (Brasile) si è svolta la 21esima edizione della Fenabrave Convention, l’evento organizzato dalla federazione delle associazioni di marca delle concessionarie brasiliane che conta circa 2.300 partecipanti ogni anno.

Ciò che colpisce in primo luogo è la forte differenza della situazione del mercato e il clima positivo che si respira intercettando le chiacchiere di imprenditori e manager presenti nell’area espositiva e all’interno delle sale workshop.

Un mercato in crescita quello brasiliano, dove si contano mediamente 16 auto ogni 100 abitanti (in Europa questo indicatore ha un valore di 60 auto ogni 100 abitanti e negli Stati Uniti 80/100).

I tassi di crescita dell’economia, in generale accompagnati da una crescente inflazione, spingono in alto i tassi di interesse di mutui e finanziamenti, con il risultato che mediamente il tasso di interesse di un finanziamento per l’acquisto di un’auto si aggira intorno al 22%. Le aziende pagano mediamente il 14% di interessi all’anno per mutui e linee di credito di lungo termine.

I temi su cui l’intera convention si è focalizzata sono molti, dalla valorizzazione della vendita di servizi allo sviluppo del business del post vendita per proseguire con la gestione della presenza in internet delle concessionarie. Il mercato brasiliano rimane strategico per molte aziende multinazionali e anche per le case costruttrici, lo conferma anche Philippe Varin, CEO e Presidente di Peugeot, il quale, durante il suo intervento nella sessione principale della tre giorni brasiliana, ha spiegato i piani di investimento della casa francese in Brasile per i prossimi anni.

Durante l’international roundtable del giorno successivo, gli esponenti delle varie associazioni internazionali hanno esposto la situazione del proprio mercato ed è stato dato molto spazio a Stephen Wade, chairman della NADA, l’associazione dei concessionari americani. L’intervento del rappresentante americano ha messo in luce le fasi della crisi vissuta negli ultimi tre anni da parte dei concessionari d’oltreoceano e, con un lieve ottimismo, ha mostrato la situazione attuale del mercato in costante crescita nel 2011.

La convention si è conclusa venerdi pomeriggio con la presenza dell’ex presidente del Brasile e del vice governatore dello stato di San Paolo che ha esposto i piani di sviluppo del paese per i prossimi anni, elencando gli investimenti in infrastrutture volti, tra l’altro, a migliorare la viabilità del paese.